REPORT ASSEMBLEA CALTANISSETTA 20 FEBBRAIO 2011

I lavori si sono aperti alle ore 11:00 e si sono chiusi alle ore 18:00, con una breve pausa pranzo dalle 14:00 alle 14:30. L’assemblea è andata in diretta streaming ed è stata registrata integralmente, così come concordato in data 5 dicembre 2011 a Caltanissetta, in fase di ri-costituzione del Forum Siciliano dei Movimenti per l’acqua.

L’incontro ha visto la partecipazione di diversi gruppi e associazioni delle tante realtà presenti in Sicilia come riportato nella lista in calce.

L’Assemblea ha proposto, ed è stato accettato, che a moderare/facilitare  i lavori fossero Francesco Chinnici e Giovanni Farella. Ad Elio Teresi e Veronica Taschetti è stato affidato il compito di tenere gli appunti sul contenuto dei vari interventi al fine di abbozzare un report a fine giornata.

Prima di iniziare i lavori, su proposta di Franco Chinnici, si è osservato un minuto di silenzio per il ragazzo marocchino Nourredine Adnane che a Palermo si è dato fuoco, morendo dopo una settimana di sofferenze, per protestare contro l’atteggiamento persecutorio dei vigili urbani nei suoi confronti.

L’introduzione al dibattito, per l’avvio dei lavori assembleari, è stata effettuata da Matteo Mangiacavallo, referente regionale della campagna referendaria e responsabile della segreteria di questo forum.

La discussione è stata organizzata per ogni punto all’O.d.G. come segue:

  • esposizione delle problematiche e delle proposte;
  • sintesi dei punti salienti emersi;
  • elaborazione di una proposta di sintesi fra quelle emerse;
  • interventi su eventuali punti divergenze;
  • nuova sintesi.

Punti all’ordine del giorno previsti:

  1. Il Forum siciliano dei movimenti per l’acqua – Funzionamento e organizzazione –

Proposta di Statuto

  1. Funzionamento ed organizzazione per la campagna referendaria
  2. Organizzazione Gruppi di lavoro regionali
  3. Varie ed eventuali.

Si è riusciti ad affrontare soltanto i primi due punti fra quelli previsti all’O.d.G. poiché il primo ha impegnato la maggior parte del tempo, come era prevedibile, data la presenza di diverse nuove realtà sociali.

Qui di seguito si riportano i punti emersi nella discussione, le relative proposte e le decisioni prese in merito.

Con la sua nota introduttiva, Matteo Mangiacavallo ha posto in evidenza lo stato dell’arte nazionale e regionale. Per sommi capi, a livello nazionale:

-         E’ stata stabilita e fissata la data di svolgimento di una nuova grande manifestazione nazionale per l’acqua pubblica e per la promozione dei due SI al Referendum da tenersi il 26 Marzo a Roma.

-         E’ stato stabilito di adottare anche per il Forum Italiano, una carta di intenti, come proposto da questo forum, ed è stato creato un gruppo di lavoro nazionale che si occuperà della sua stesura.

-         E’ stata condivisa la partecipazione del Forum italiano dei movimenti per l’acqua al contro-forum sull’acqua che si terrà a Marsiglia nel 2012.

-         E’ stata ribadita, per quanto concerne la relazione con la campagna referendaria contro il nucleare,  l’inopportunità della fusione delle due campagne e dei comitati promotori, ma è stato stabilito che le due entità si sosterranno vicendevolmente.

-         E’ stato deciso di attivarsi affinché gli Enti Locali approvino atti formali (delibere) a sostegno della campagna referendaria con lo scopo di veicolare ulteriormente l’informazione a favore dei due SI.

-         due sono le richieste che il Forum Italiano sta portando avanti in questo momento: la moratoria sulle scadenze dettate dal Decreto Ronchi e dalla Legge Calderoli oltre all’accorpamento della scadenza referendaria con le prossime elezioni amministrative. Sebbene giovedì 17 febbraio sono state consegnate le firme per la richiesta di moratoria alla Presidenza della Camera, il governo sembra orientato a far svolgere i referendum il 12 Giugno, dopo le amministrative e i ballottaggi, sperando forse nel loro fallimento.

-         In sede di riunione di coordinamento nazionale del Forum italiano dei movimenti per l’acqua del 29 Gennaio è stato dato il via alla seconda fase della campagna referendaria con la costituzione del Comitato referendario nazionale il 2 Febbraio scorso.

-         Continua la raccolta fondi per l’autofinanziamento. Servono 500.000 euro per sostenere la campagna referendaria e su tutto il territorio, quella somma sembra ancora molto distante.

Mentre a livello regionale:

-         Il 5 dicembre 2010 si è ricostituito il Forum Regionale, in attuazione della delibera del coordinamento nazionale di Catania del 14 Novembre 2010. Questo forum ha deciso di  chiamarsi come sempre, sebbene tale nome sia stato utilizzato in questi mesi anche da un gruppo di attivisti siciliani, che pur essendo stati promotori della ricostituzione del forum stesso, non hanno poi preso parte all’assemblea costituente.

-         E’ stata ribadita l’importanza della carta di intenti regionale che contiene i principi ispiratori e le linee guida di funzionamento. Forum Siciliano, indipendente dalla politica partitica, in cui l’organo decisionale è esclusivamente l’assemblea.

-         E’ stato esposto un elenco di attività portate avanti nei primi due mesi e mezzo di vita del Forum regionale:

a) la rimessa in opera del sito ufficiale del forum

b) la produzione di cinque interventi esterni  (visibili attraverso altrettanti comunicati stampa):

- il Disconoscimento dell’iniziativa del 14 Gennaio 2011

- l’Adesione del nostro Forum Siciliano, alla campagna contro il nucleare e il sostegno anche al relativo SI del prossimo referendum.

- il Dissenso circa il concordato preventivo proposto da APS nel palermitano

- la Costituzione del Comitato Referendario Siciliano facente riferimento al nostro Forum.

- la Richiesta di incontro con l’On.le Ammatuna, presidente della sottocommissione all’Assemblea Regionale Siciliana che sta esaminando le leggi per la ripubblicizzazione dell’acqua in Sicilia.

Concluso l’intervento introduttivo, si è passati alla discussione prevista dall’Odg organizzata, come proposto da Giovanni Farella (facilitatore designato), attraverso 8-10 interventi individuali,  ai quali sono seguite le repliche per poi sintetizzare il tutto alla fine.

Si riporta di seguito quanto evidenziato dall’esposizione delle problematiche da parte degli intervenuti e le  proposte emerse.

Riguardo il primo punto all’ODG, ovvero Il Forum siciliano dei movimenti per l’acqua – Funzionamento e organizzazione, è stato fatto presente che:

- occorrerebbe organizzarsi meglio a livello locale per migliorare la comunicazione ed incentivare la collaborazione tra i vari comitati territoriali siciliani e per stimolare la partecipazione di un numero sempre maggiore di attivisti.

- sarebbe stato necessario costituire un fondo cassa relativo alle spese d’interesse regionale. (Spese di viaggio per la partecipazione ai coordinamenti nazionali, acquisto di materiale divulgativo e pubblicitario relativo alla campagna referendaria del forum siciliano)

- bisognava organizzare la partecipazione di questo forum alla riunione di coordinamento nazionale di Napoli (26 febbraio 2011) e alla manifestazione nazionale di Roma (26 marzo 2011)

ed è stato proposto di:

- modificare il nome del Forum Siciliano al fine di poterlo meglio distinguere dall’altro forum regionale che reca lo stesso nome

- costituire delle “redazioni” a supporto dell’attività di Matteo Mangiacavallo che si occupino del reperimento e della pubblicazione di informazioni territoriali sul sito www.acquainsicilia.org.

- garantire un supporto alla creazione di comitati territoriali nelle provincie in cui non sono presenti soggetti aderenti al forum siciliano oltre all’incentivazione e al coinvolgimento di nuove realtà sociali in quelle in cui sono già operativi comitati territoriali per l’acqua.

- creare comitati referendari in tutti quei territori in cui sono presenti le realtà sociali aderenti al Forum siciliano.

- introdurre un forum di discussione sul sito ufficiale del forum.

- garantire sempre la diretta streaming delle sedute assembleari del forum siciliano.

- creare alcuni gruppi di lavoro.

- partecipare come Forum a tutta una serie di eventi

- utilizzare il sistema PayPal per far confluire eventuali donazioni al forum.

Al termine del lungo dibattito sul primo punto all’Odg è stato stabilito, a decisione collegiale, di attuare quanto segue:

- aggiungere al nome del forum regionale, prima della dicitura “Forum Siciliano dei Movimenti per l’acqua”, il testo “acquainsicilia.org”

- sviluppare una pagina ufficiale del forum anche all’interno del social network  Facebook,  e l’incarico viene affidato ad Elio Teresi.

- costituire una sorta di redazione provinciale/territoriale per collaborare con Matteo Mangiacavallo all’aggiornamento del sito. Quest’ultimo si occuperà dell’inserimento di informazioni nazionali, regionali e di quelli relativi alla provincia di Agrigento, Nadia Furnari del territorio di Palermo e provincia, Danilo Pulvirenti del catanese, Giancarlo Cancelleri del nisseno. Gli altri territori comunicheranno in seguito i loro nominativi.

- istituire un fondo cassa da utilizzare a livello regionale per sopperire ai costi previsti dalla gestione della campagna referendaria e per i viaggi dei delegati ai coordinamenti nazionali .Viene nominato come Tesoriere Giuseppe Samperi.

- demandare ai referenti dei diversi territori l’organizzazione dei viaggi per la manifestazione del 26 marzo a Roma.

-         rimandare l’introduzione di un Forum di discussione all’interno del sito www.acquainsicilia.org anche se sarà comunque avviato in via sperimentale

- creare, nei giorni successivi all’assemblea del 20 febbario 2011, una serie di gruppi di lavoro a livello regionale da concordare ed attuare in assemblea virtuale in discussioni all’interno del gruppo Hyperlink Sicilia

- costituire comitati referendari legati al forum regionale

- comunicare la costituzione dei diversi comitati agli organi di informazione, forze dell’ordine, enti locali

- inviare via mail a tutti gli aderenti le modalità per la costituzione dei comitati

- partecipare alla riunione di coordinamento nazionale il 26 febbraio a Napoli con un rappresentante da decidere in base alle disponibilità degli aderenti.

- partecipare, come Forum Siciliano al forum sociale antimafia 7,8,9 maggio a Cinisi

- fissare la data e il luogo della prossima Assemblea regionale di questo Forum Siciliano per il prossimo 10 aprile a Caltanissetta

- comporre una delegazione, formata da: Agostino Schillaci, Gioacchino Cannizzaro, Barbara Grimaudo, Giulia Di Martino, Elsa Arcidiacomo che incontri l’on.le Ammatuna il 22 Febbraio 2011 a nome di questo Forum.

A seguito della pausa pranzo, l’Assemblea ha ripreso la trattazione del secondo punto all’ordine del giorno: Il Forum siciliano dei movimenti per l’acqua – Funzionamento ed organizzazione per la campagna referendaria.

E’ stato illustrato che la campagna di autofinanziamento promossa dal Forum Italiano per sostenere economicamente la campagna informativa per i due SI al referendum sull’acqua si prefigge l’obiettivo di raccogliere, su tutto il territorio nazionale, la somma complessiva di 500.000. Le quote richieste dalla segreteria del comitato referendario variano per ogni Regione e Provincia in base al numero di abitanti.

Il dibattito ha messo in evidenza  alcune perplessità, condivise da tutti i Comitati presenti.

L’organizzazione di ogni iniziativa, che ha lo scopo di sensibilizzare la cittadinanza sull’importanza di andare al voto comporta un enorme dispendio di risorse umane ed economiche. Tutte le iniziative già svolte hanno portato un sensibile coinvolgimento della gente sull’argomento referendum sull’acqua ma non hanno riscosso eguali e sostanziali contributi economici. In termini di costo/benefici sono dunque risultate comunque importanti per la divulgazione di informazioni, ma non per il recupero delle spese, considerando anche quelle anticipate.

E’ stato proposto e contestualmente deciso di:

- chiedere in sede di riunione di coordinamento nazionale, il progetto di comunicazione, con il relativo budget.

- condividere tra tutti gli aderenti al Forum siciliano una quota fissa da inviare al Forum italiano dei Movimenti per l’acqua.

- organizzare  eventi regionali e territoriali di informazione e di autofinanziamento.

- contribuire alla raccolta fondi per la campagna referendaria stanziando una quota fissa per associazione e/o attraverso cene di autofinanziamento, e/o banchetti informativi della campagna, e/o  durante la presentazione di libri (Alex Zanotelli, Margherita Ciervo), e/o l’esibizione di gruppi musicali.

Non sono state invece prese decisioni, per via del fatto che il tempo stabilito per la conclusione dei lavori assembleari era stato ormai superato, per le proposte, anch’esse pervenute in sede di discussione:

- di elaborare un documento relativo alla situazione delle acque in Sicilia da diffondere durante la campagna referendaria.

- di socializzare la professionalità insita in ogni territorio, per svolgere anche su altri territori siciliani le iniziative fatte che hanno riscosso successo. (es. analisi dell’acqua del rubinetto, che rappresenta una forma diversa ma utile di avvicinamento e sensibilizzazione dei cittadini).

- di aderire, come forum siciliano alla marcia della protesta e della speranza del 12-18 aprile 2011

La trattazione di questi ultimi punti è stata pertanto rimandata ad altre occasioni di incontro, virtuale e non.

ERANO PRESENTI:

Agostino Schillaci – Comitato “Giù le mani dall’acqua!” (Termini Imerese)

Andrea Prestianni – WWF Madonie (Castelbuono)

Angela Giardina – Laboratorio Zeta (Palermo)

Angelo Privitera – Movimento 5 Stelle (Catania)

Antonio Toscano – Costruire Contropotere (Messina)

Barbara Grimaudo – Cittadini Invisibili? No Grazie (Palermo)

Carla Puglisi – Associazione Rita Atria (Catania)

Clara Deluca – Rete Lilliput (Messina)

Diana Gerace – Costruire Contropotere (Messina)

Elio Teresi – ASS. RADIO AUT (Palermo)

Elsa Arcidiacono – Associazione Rita Atria (Catania)

Emanuele Finocchiaro – Movimento 5 Stelle (Aci Catena)

Enzo Carrere – Movimento 5 Stelle (Messina)

Francesco Chinnici – Laici Comboniani (Palermo)

Giancarlo Cancelleri – Movimento 5 Stelle (Caltanissetta)

Giancarlo Raffa – Costruire Contropotere (Messina)

Gioacchino Cannizzaro – Comitato no priv  (Castelbuono)

Giorgio Ciaccio – Movimento 5 Stelle (Palermo)

Giovanna Allone – Rete Lilliput (Messina)

Giovanni Farella – Laici Comboniani (Palermo)

Giovanni Trovato – Costruire Contropotere (Messina)

Giulia Di Martino – Associazione Cittadini del Villaggio Globale (Palermo)

Giuseppe Castiglia – Libero Cittadino (Palermo)

Giuseppe Pennestrì – Costruire Contropotere (Messina)

Giuseppe Samperi – Libero Cittadino (Palermo)

Giuseppe Strazzulla – Ass. Libera Catania. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie (Catania)

Luigi Senna Claudio – Movimento 5 Stelle (Paternò)

Massimiliano Arceri – Movimento 5 Stelle (Messina)

Matteo Mangiacavallo – Associazione di promozione sociale L’AltraSciacca (Sciacca)

Matteo Venturella – Associazione Cittadini del Villaggio Globale (Palermo)

Patrizia Mastroeni – Associazione Rita Atria (Milazzo)

Pietro Mistretta – Associazione di promozione sociale L’AltraSciacca (Sciacca)

Riccardo Nuti – Movimento 5 Stelle (Palermo)

Santo Laganà – Associazione Rita Atria (Milazzo)

Sara Giorlando – Libero Cittadino (Catania)

Valeria Alaimo – Movimento 5 Stelle (Caltanissetta)

Veronica Taschetti – Ass. Libera Palermo. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie (Palermo)

Vincenza Bagnato – Costruire Contropotere (Messina)

William Cavallaro – Movimento 5 Stelle (Paternò)

Questa voce è stata pubblicata in Report incontri Forum Siciliano e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento